Ultimi Articoli
Seguici Su
Home  /  Fotografia   /  Studio Kene, fotografando Roma

Studio Kene, fotografando Roma

Un tributo a Roma e al vivace quartiere multietnico dell’Esquilino: è questo il tema della nuova mostra fotografica presentata allo Studio KENE, visitabile fino al 26 aprile, il venerdì e il sabato dalle 14.30 fino alle 20, frutto di un intenso percorso formativo. Le immagini in mostra offrono un personale racconto della vita nella città eterna attraverso gli occhi dei giovani fotografi, migranti ma non solo, focalizzandosi in particolare sul quartiere Esquilino, dove ha sede il laboratorio KENE, per la precisione in Via dei Giusti, 24.

Le fotografie documentano la quotidianità delle studentesse e degli studenti di KENE, che insieme al loro insegnante Mohamed Keita si immergono nelle strade e nelle piazze della città, alla ricerca del soggetto perfetto da catturare. Questi aspiranti fotografi propongono uno sguardo autentico e vivido su Roma, una città che vivono e respirano ogni giorno, cercando di catturarne l’essenza senza pretese di dominio, ma piuttosto con una genuina volontà di comprensione e rappresentazione. Inoltre, nelle loro fotografie viene meno quell’aura di riverenza che spesso si prova di fronte ad una città con secoli di storia alle spalle e ciò le rende originali nella loro spontaneità.

Studio KENE è un progetto ideato e creato dal fotografo ivoriano Mohamed Keita, un laboratorio di fotografia permanente per giovani aspiranti fotografi, migranti, ma non solo, di ogni origine. Fondato nel 2017 a Kanadjiguila, nella periferia est di Bamako, in Mali, con il sostegno della Fondazione Pianoterra ETS, il laboratorio ha aperto la sua seconda sede nel giugno 2022 a Roma, città dove Keita vive e lavora.

Studio KENE, che in mandingo significa “Spazio”, oltre ad essere un laboratorio dedicato alla fotografia, è soprattutto un luogo di socializzazione, di condivisione, di relazione, uno “spazio” di vita che accoglie persone accomunate dalla stessa passione: la fotografia.

Fotografia in copertina: © Salime Konate

24 Marzo 2024
Afghani d’Italia e rifugiati celebrano Nowruz

Comments

  • Waheeda
    REPLY

    Written shortly with brave explainations which is interesting.
    Good luck to Keita and his students!
    The world is beautiful with artists like them.

    9 Aprile 2024

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *